venerdì 15 maggio 2015

Intervista col vampiro... Nik!

Il seguente spazio vi è offerto da: K-Billy Super Sound, la stazione radiofonica numero uno di Los Angeles, dove gli anni ’80 vivono ancora!



K-Billy Super Sound: Sono le 23.57 e avete appena ascoltato Call Me, degli stellari Blondie.

Adesso spazio alla vostra voce, fanatici nottambuli degli anni ’80!
Una telefonata. Quattro minuti. Voi parlate e io sto a sentire.
Cominciamo.

Nik: Ehilà, amico. Mi chiamo Nik. Complimenti per la stazione: è una vera bomba!

KBSS: Grazie, bello, e benvenuto al K-Billy Super Sound Show. Da dove ci chiami?

Nik: Da New York. Sono appena arrivato in città.

KBSS: La Grande Mela. Come vanno le cose lì?

Nik: C’è un traffico del cazzo e… Scusa, posso dire “cazzo” alla radio?

KBSS: Puoi dire quello che ti pare, Nik: la fascia protetta e finita da un pezzo, e anche se così non fosse, chissenefrega!

Nik: Ah meno male. Dicevo, c’è un traffico del cazzo che non ti lascia scampo. Sono bloccato qui, sulla… sulla Tredicesima, piò o meno, da almeno dieci minuti. Mi sta venendo una fame del diavolo e ho dimenticato di portarmi le sacche di plasma per uno spuntino al volo.
Se le cose non si sbloccano, tra poco comincerò a dissanguare umani a caso, e credimi, per uno dallo stomaco delicato come il mio sarebbe un vero schifo.  

KBSS: Sacche di plasma e umani dissanguati, wow! Si tratta di questo?

Nik: “Di questo” cosa?

KBSS: Sei uno di quelli sul tipo dark-emo?

Nik: In realtà sono un vampiro, ma…

KBSS: Un vampiro con la fissa per gli anni ‘80, fantastico!

Nik: Che cazzo ci trovi di divertente? Ti faccio ridere?

KBSS: Ehi calma, bello, si scherza soltanto.

Nik: Come fai a scherzare su una cosa del genere? È come se io cominciassi a prenderti per il culo perché sei un umano. Questa è discriminazione bella e buona! Soltanto perché sono morto non significa che posso mandare giù merda come niente! Ho i miei sentimenti, io!

KBSS: Allora è di questo che vuoi parlare, Nik?

Nik: Veramente io…

KBSS: Di creature della notte?

Nik: No, io…

KBSS: Di vampiri e sovrannaturale e magari di oscuri complotti ai danni dell’Umanità?

Nik: E va bene! Va bene, cazzo, parliamo di questo!

KBSS: Parliamo del fatto che saresti un vampiro. Quanti secoli sono che vivi tra noi?

Nik: Sono del ’69, ok? E sono stato trasformato a diciasett… ehmm, vent’anni circa.

KBSS: Quindi sei come quel tizio dei film? Quello che brilla alla luce del sole. È così?

Nik: Senti, amico, mettiamo in chiaro una cosa: i vampiri veri crepano alla luce del sole. I vampiri veri non bevono il sangue delle povere bestie. E soprattutto i vampiri veri non aspettano il sequel per scoparsi una ragazzina arrapata! Porca troia, quando sono andato al cinema mi aspettavo quasi un porno a tema scolastico, e invece mi ritrovo a guardare un… un documentario educativo, uno sul genere “Dieci semplici mosse per trasformare un cazzuto dannato in un fesso patentato”.

KBSS: Per “dannato” intendi “vampiro”?

Nik: Certo che sì!

KBSS: E non credi che i vampiri debbano mantenere le distanze con gli esseri umani?

Nik: Per niente!

KBSS: E quella roba sull’agire nell’ombra e non farsi scoprire?

Nik: Ma dai, sono tutte puttanate. Dimmi un po’, se avessi la super forza, la super velocità, la quasi immortalità più altri poteri, tu cosa faresti? Te ne staresti chiuso in un cimitero, o dentro una bara o quello che cazzo è a menarti l’uccello, o te ne andresti in giro a fare casino?
E poi piantiamola con questo luogo comune del Ventunesimo Secolo brutto e cattivo col suo Grande Fratello che vigila su tutto e tutti: potrei venire lì, aprirti in due in diretta radio e succhiarti fino al midollo e comunque nessuno crederebbe alla storia del vampiro. Mi etichetterebbero al massimo come pazzo psicopatico, e mi beccherei pure l’infermità mentale al processo!
Anzi, lo sai che ti dico?

KBSS: No, Nik. Che mi dici?

Nik: Ti dico che potrei salire su quella cazzo di Statua della Libertà, ok? Aspettare l’alba e farmi riprendere in mondo visione mentre le mie chiappe vanno e fuoco. E sai cose succederebbe? Niente! Un cazzo di niente: ecco cosa! Parlerebbero tutti di combustione spontanea, puttanate scientifiche o chessò io! È così che funziona oggi.

KBSS: Ti riferisci all’incapacità umana di accettare e giustificare ciò che non può essere spiegato oppure a qualche improbabile cospirazione governativa che tiene a bada i media?

Nik: Tu che ne pensi?

KBSS: Non lo so, Nik. Questo è il tuo spazio. È la tua voce che conta, almeno per i prossimi due minuti.        

Nik: Allora rispondo io: un po’ e un po’. La gente ormai è disillusa. Viviamo in un mondo fatto di guerre, terrorismo, crisi economiche e merdate che puoi vedere coi tuoi occhi, che puoi toccare con mano. Il tempo della caccia al mostro è passato da un pezzo. Non frega più a nessuno, e per quei pochi a cui fregherebbe ecco che entrano in campo corporazioni, multinazionali oppure organi governativi che mettono tutte a tacere minimizzando.
Dagli inizi degli anni ’90 saranno comparsi davanti alle telecamere almeno una dozzina di vampiri, eppure eccoci qui, a parlare di miti e leggende.

KBSS: E tu, Nik? Sei mai comparso davanti a una telecamera?

Nik: Sicuro! Sparatorie ed esplosioni finiscono spesso sui notiziari delle reti na…

KBSS: Frena un attimo… Sparatorie? Vuoi dire che usi armi da fuoco?

Nik: Certo che le uso. Le mie preferite sono le semiautomatiche.

KBSS: E tutte quelle storie sugli sgozzamenti, gli artigli e i canini che fine hanno fatto?

Nik: Beh questo è un discorso un po’ complesso, e sarebbe lungo da spiegare in…

KBSS: Poco più di un minuto.

Nik: Appunto. Diciamo solo che molto dipende dall’età del vampiro.
Io sono un figlio del ventesimo secolo. Sono cresciuto a Brooklyn, e andavo quasi tutte le settimane al cinema a vedere Hollywood che faceva saltare per aria persone e cose. Mi hanno tirato su a latte e pallottole.
Stallone, Schwarzenegger, Gibson, Russel… capisci che intendo? Fossi nato un secolo fa, o due, probabilmente adesso non staremmo nemmeno facendo questa conversazione. Ma ehi, lo sai che ti dico?

KBSS: Che mi dici?

Nik: Ti dico che quelle vecchie mummie che si atteggiano a damerini non sanno che si sono perse. Vivono ancora nel passato, ok? E quasi mi dispiace per loro che non siano riusciti ad apprezzare, a vivere il livello di epicità degli anni ’80.

KBSS: Amen, fratello. Amen da parte mia e di tutti i nostri ascoltatori.
Siamo in chiusura. Vuoi aggiungere qualcos’altro?

Nik: Niente, mi ha fatto piacere parlare con te. Sei un tipo apposto, uno di larghe vedute. E… Ah, si comincia finalmente a ricamminare, intendo qui a New York.

KBSS: Tutto bene quel che finisce bene!

Nik: Posso chiederti un ultimo favore?

KBSS: Puoi farlo in otto, sette, sei secondi ancora.

Nik: Per il prossimo pezzo, metti su qualcosa che dia la carica, ok? Sto andando ad ammazzare della gente, parecchia gente, e non mi diventa duro se…

KBSS: Tempo scaduto, bello. Ma se vuoi della musica, hai fatto centro.
Siamo a due minuti dopo la mezzanotte, e questa è I Was Made For Lovin’, dei Kiss, per il nostro amico: il vampiro Nik.

State ascoltando K-Billy Super Sound, la stazione radiofonica numero uno di Los Angeles, dove gli anni ’80 vivono ancora!



***

Vuoi saperne di più sul vampiro Nik? Esplora in tutta libertà gli altri articoli del blog e i due link sottostanti! E buon divertimento!

Scheda Amazon a "Una notte di ordinaria follia": qui!
Scheda generale dell'editore a "Una notte di ordinaria follia": qui!


4 commenti:

  1. Bellissima questa intervista! Molto divertente. Ho trovato esilarante il passo con i riferimenti a Twilight (e come dar torto a Nik?). Ridendo e scherzando però lascia anche un bel po' su cui riflettere a proposito della disillusione che caratterizza i nostri tempi e della perdita della capacità, o volontà, di credere nella magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, Miriam (e grazie per la lettura ^_^): oserei dire che Nik non è importante per quello che è, ma per quello che rappresenta all'interno dell'economia delle mie storie/racconti o articoli a tema. Non solo è una critica ironica (ma abbastanza spietata, come hai avuto modo di leggere) ai "vampiri di oggi", ma anche alla società odierna, a quelle tante assurdità che sono diventate pian piano normalità.
      Il vampiro Nik è un pò l'anima, esasperata e portata al limite estremo, del Ventunesimo Secolo.

      Elimina
  2. Adoro Nick! Il mio vampiro preferito in assoluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono onorato, Claudia! Grazie per la lettura :D

      Elimina